Regolamento Power Pulling Italia

La Power Pulling Italia (P.P.I.) è una società sportiva che nasce a Beinette (CN) il 15 Gennaio 2014 per trasmettere lo sport del Power Pulling Italia,

iscritta alla UISP al

N. A030693; iscritto al registro CONI al N. 213257.
IN SEDE:
 Via Emanuele Filiberto 12 
 12081 Beinette (CN)
 Tel. e Fax: 0171385961 e-mail:Powerpulling@yahoo.it <a href="http://www.powerpullingitalia.it">
www.powerpullingitalia.it</a>

L’associazione Power Pulling Italia, tenendo conto delle normative europee che regolano questo sport, si fornisce di questo manuale per precisare le regole di questa disciplina. La P.P.I. si pone come obbiettivo il miglioramento di questo sport e la piena sicurezza dello svolgimento della gara. Un valido aiuto per coloro che vogliono avvicinarsi a suddetto sport.

Lo sport Power Pulling Italia consiste nel traino di un rimorchio zavorrato “detto slitta”.

Questa manifestazione è un’occasione per un ritrovo della gente appassionata di motori mantenendo sempre la sicurezza prioritaria di tutti.

CATEGORIE RICONOSCIUTE DALLA P.P.I.:

  • TRATTORI DI SERIE
  • MODIFICATI 4 CILINDRI
  • LIGHT TRACTOR
  • PROSTOCK
  • PROSTOCK 45
  • LIBERO 35
  • LIBERO 45
  • TRACTOR DIESEL 
  • TRUCK
  • PICKUP TRUCKS

TRATTORI DI SERIE

Trattori di serie tutto per tutto suddivisi in HP

categoria:

  • A: 0- 110 HP / 0 –80 KW
  • B: 111-140 HP / 81 – 103 KW
  • C: 141-190 HP / 104 – 140 KW
  • D: 191-250 HP / 141 – 184 KW
  • E: 251-310 HP / 185 – 228 KW
  • F: 311 0LTRE / 229 KW OLTRE


Gli organizzatori della gara hanno la possibilità di cambiare suddetta divisione di potenza.

Tutti i conducenti dovranno rispettare le decisioni dei giudici di gara.

Tutti i mezzi devono avere l'arco di protezione omologato o il tettuccio originale omologato oppure la cabina originale.

Il sedile deve avere le cinture di sicurezza.

Ogni mezzo deve essere equipaggiato di un sistema frenante.

Tutti i mezzi devono avere il tiro ad un altezza di 600mm da terra.

I mezzi a 2 ruote motrici devono avere obbligatoriamente le barre del sollevatore legate o staffate ad un’altezza massima di 250mm da terra, facendo il funzionamento dei piedini antiribaltamento.


MODIFICATI 4 CILINDRI

I mezzi che prendono parte di questa categoria sono di libera costruzione, hanno come vincolo il numero dei cilindri, la cilindrata e la lunghezza.

  • E’ consentita l’uso di una sola turbina.
    Cilindrata massima consentita: 5500 cm3 (4 cilindri)
  • (le macchine che superano questa cilindrata hanno l'obbligo di attenersi ad un max. di 3000 rpm)

  • Lunghezza massima consentita: 3500mm.
    (da centro semiasse posteriore a massima sporgenza anteriore) resta escluso da questa lunghezza il gancio traino anteriore.
  • Pneumatici consentiti :
    • 650/65-R28
    • 650/65-R32
    • 600/70-R28
    • 600/70-R30
    • 23.1-R30
  • È facoltativo utilizzare i pneumatici che stanno usando. Con l’obbligo di una larghezza max.650mm o 24.5 pollici.

  • Altezza barra di tiro: mm 600 (si misura dalla parte superiore del foro di agganciamento)

  • PROSTOCK

    I mezzi che vi prendono parte di questa categoria devono essere derivati di serie, nel pieno rispetto delle caratteristiche, anche estetiche delle macchine da cui ne derivano. E' ammesso aggiornare la carenatura del mezzo.
    Mantenendo il suo motore oppure, se sostituito, deve essere flangiato come in origine.

    Non è consentita nessuna flangia per adattare il motore al cambio.
    I vincoli principali posti dal regolamento sono il peso e la cilindrata e la lunghezza.
    Peso: 3,5 tonnellate.
    Il peso del mezzo si intende comprensivo del pilota e tutti i liquidi (olio,acqua,carburante).

  • Cilindrata massima consentita: 8350 cm3 • E' consentito l'utilizzo di una sola turbina.
  • Pneumatici consentiti:
    • 650/65-R32
    • 650/75-R32
    • 24.5-R32
  • È facoltativo utilizzare i pneumatici che si stanno usando. Con l’obbligo di una larghezza max.650mm o 24.5 pollici.

  • Devono essere mantenuti di serie: cambio, differenziale e blocco motore.
    N.B il blocco motore potrà essere sostituito solo qualora tale sostituzione sia già stata effettuata dalla casa costruttrice.
    • Lunghezza massima consentita: 4000mm.
    (da centro assale posteriore a massima sporgenza anteriore)
    resta escluso da questa lunghezza il gancio traino anteriore.
  • Lunghezza massima consentita: 2950mm.
    (da centro asse posteriore a centro asse anteriore)
  • Altezza barra di tiro: mm 600 (si misura dalla parte superiore del foro di agganciamento)


    PROSTOCK 47

    I mezzi che vi prendono parte di questa categoria devono essere derivati di serie, nel pieno rispetto delle caratteristiche, anche estetiche delle macchine da cui ne derivano. E' ammesso aggiornare la carenatura del mezzo.
    Mantenendo il suo motore oppure, se sostituito, deve essere flangiato come in origine.

    Non è consentita nessuna flangia per adattare il motore al cambio.
    I vincoli principali posti dal regolamento sono il peso, la cilindrata e la lunghezza.

    Peso: 4,7 tonnellate
    Il peso del mezzo si intende comprensivo del pilota e tutti i liquidi (olio,acqua,carburante).

    Cilindrata massima consentita: 8350 cm3

    •E' consentito l'uso di una sola turbina.

    Pneumatici consentiti:

    • 800/65-R32
    • 800/70-R32
    • 30.5 - R32

    È facoltativo utilizzare i pneumatici che si stanno usando. Con l’obbligo di una larghezza max 800mm o 30.5 pollici

    Devono essere mantenuti di serie: cambio, differenziale e blocco motore.
    N.B il blocco motore potrà essere sostituito solo qualora tale sostituzione sia già stata effettuata dalla casa costruttrice.
    Lunghezza massima consentita: 4000mm.
    (da centro assale posteriore a massima sporgenza anteriore)
    resta escluso da questa lunghezza il gancio traino anteriore.

    Lunghezza massima consentita: 2950mm.
    (da centro asse posteriore a centro asse anteriore)

    Altezza barra di tiro: mm 500 (si misura dalla parte superiore del foro di agganciamento)


    LIBERO 35

    I mezzi che vi prendono parte di questa categoria sono di libera costruzione hanno come vincolo il peso, la cilindrata e la lunghezza.

    Peso: 3,5 tonnellate
    Il peso del mezzo si intende comprensivo del pilota e tutti i liquidi (olio,acqua,carburante).

    Cilindrata: 8500 cm3

    Pneumatici consentiti:

    • 800/65-R32
    • 800/70-R32
    • 30.5- R32

    È facoltativo utilizzare i pneumatici che stanno usando.

    Con l’obbligo di una larghezza max. 800mm 30.5 pollici.

    Lunghezza massima consentita: 4000mm
    (da centro assale posteriore a massima sporgenza anteriore) resta escluso da questa lunghezza il gancio traino anteriore.

    Altezza barra di tiro: mm 500 (si misura dalla parte superiore del foro di agganciamento)


    LIBERO 45

    I mezzi che vi prendono parte di questa categoria sono di libera costruzione, hanno come unico vincolo il peso stabilito dal regolamento.

    Peso: 4,5 tonnellate
    Il peso del mezzo si intende comprensivo del pilota e tutti i liquidi (olio,acqua,carburante).

    Cilindrata: illimitata

    Lunghezza massima consentita: 4000mm
    (da assale posteriore a sporgenza massima anteriore) resta escluso da questa misura il gancio traino anteriore.

    Pneumatici consentiti:

    • 800/65-R32
    • 800/70-R32
    • 30.5- R32

    È facoltativo utilizzare gli pneumatici che stanno usando.
    Con l’obbligo di una larghezza max. 800mm 30.5 pollici.

    Altezza barra di tiro: 500 mm (si misura dalla parte superiore del foro di agganciamento)


    TRACTOR DIESEL

    I mezzi che vi prendono parte di questa categoria sono di libera costruzione, hanno come vincoli il motore a ciclo diesel, peso e la lunghezza stabilito dal regolamento.

    Motore: Diesel

    E’ consentito utilizzare lo stesso numero di turbine d'origine.

    Peso: 5,5 tonnellate.

    Lunghezza massima consentita: 4000 mm
    (da assale posteriore a sporgenza massima anteriore) resta escluso da questa misura il gancio traino anteriore.

    Pneumatici consentiti:

    • 800/65-R32
    • 800/70-R32
    • 30.5- R32

    È facoltativo utilizzare gli pneumatici che stanno usando.
    Con l’obbligo di una larghezza max. 800 mm 30.5 pollici.

    Altezza barra di tiro: 500 mm (si misura dalla parte superiore del foro di agganciamento)



    TRUCK

    I mezzi di questa categoria derivano direttamente da trattori stradali, opportunamente preparati e modificati.
    Devono montare il motore in origine o della stessa casa madre e non potrà subire nessuno spostamento.

    Peso: 8,0 tonnellate
    Il peso del mezzo si intende compressivo con il pilota e tutti i liquidi (olio,acqua,carburante).

    Cilindrata: 19000 cm3 

    •Passo massimo: 3800mm
    La misura del passo viene presa dal centro dell'asse anteriore al centro dell'asse posteriore.

    Pneumatici consentiti: quelle che erano omologate su strada.

    Il serbatoio non dovrà avere una capienza superiore ai 60 litri e dovrà essere bloccato fra le travi maestre del telaio.

    Altezza barra di tiro: mm 1200 (si misura dalla parte superiore del foro di agganciamento)
    Per questa categoria tale barra deve avere una sporgenza massima, a partire dall'asse posteriore pari al 40% della lunghezza del passo che corrisponde a 1520 mm (ovvero il 40 % di 3800 mm).


    PICKUP TRUCKS

    I mezzi di questa categoria derivano da camioncini stradali, opportunamente preparati e modificati.
    Devono montare il motore in origine o della stessa casa madre e non potrà subire nessuno spostamento.

    Altezza barra di tiro: mm 650 (si misura dalla parte superiore del foro di agganciamento) Tale barra deve avere una sporgenza massima di 200mm.

    Pneumatici consentiti: quelle che erano omologate su strada.





    OBBLIGATORI IN OGNI MACCHINA

    L'acceleratore deve essere costruito in modo tale che, al momento del rilascio, ritorni immediatamente a zero. Obbligatorio avere due molle di richiamo.

    •Ogni mezzo deve essere equipaggiato di un sistema frenante posteriore efficiente.

    La frizione deve essere di tipo meccanico. Non è permesso alcun dispositivo elettrico, pneumatico. I mezzi che non superano i 3000 giri/minuto possono mantenere il volano e la frizione originale, se suddette categorie oltrepassano i 3000 giri/minuto è obbligatorio sostituire il volano e il complessivo frizione. Vedi articolo seguente.

    • a)Tutte le macchine che superano i 3000 giri/minuto devono avere il volano, il piatto e la coperta (spingidisco) in acciaio o alluminio ricavato dal pieno, rispettando le seguenti caratteristiche:
      Proprietà meccaniche minime “acciaio e alluminio”
      Carico di rottura 600n/mm2
      Carico di snervamento 290n/mm2
    • b)Tutte le viti e bulloni utilizzati per il blocco frizione e per collegare il volano all’albero motore devono essere di resistenza 10.9. Non è permessa nessuna saldatura o fresatura chimica sulle parti prodotte.
      VIETATO USARE IL VOLANO SPINGIDISCO IN GHISA!
    • c)Importante avere tutte le illustrazioni di tutti i componenti “volano, dischi d’attrito, spingidisco.” Complete di tutte le misure devono sempre essere col trattore, a disposizione per controllo da parte dei giudici di gara.
    • d)Le macchine che non hanno la campana frizione originale devono avere una campana costruita di uno spessore di 8 mm a 360 gradi che chiude completamente volano e tutto il complessivo frizione. Altrimenti usare campane certificate da pulling. Deve essere ben fissata alla flangia motore. (Vedi disegno)
    • e)I mezzi che hanno l’albero trasmissione che collega frizione cambio differenziale esternamente deve essere coperto da una lastra di acciaio a 360 gradi ,di spessore 5 mm, tale protezione deve essere ben fissata al telaio.
    • f)Le frizioni che sono montate dentro la campana d’origine possono avere internamente un’ anello d’acciaio, a 360 gradi, di spessore 8mm per una larghezza da coprire tutta la parte frizione sporgendo 50mm verso lato cambio, ben fissata con 4 bulloni di diametro 12- 8.8 ,oppure coprendo la campana frizione a 360 gradi, con una fascia unica, larghezza minima di 450mm e di uno spessore minimo di 6mm, o usando una fascia più sottile ma deve avere una buona resistenza (in caso di esplosione deve trattenere il tutto) facendo un incrocio di 150mm.

    La suddetta fascia deve essere chiusa con 3 apposite cinture.

    •Tutte le macchine devono essere munite di KILLER SWITCH cioè uno spegnimento di emergenza (per chiudere l'entrata dell'aria) che a sua volta deve avere anche una chiusura del gasolio con una elettrovalvola o un altro meccanismo di chiusura, esso va montato il più vicino possibile alla pompa di iniezione.

    Il killer switch deve funzionare in qualsiasi momento.
    I mezzi che hanno la chiusura del killer switch, con un sistema elettrico, devono avere un sistema elettrico indipendente in modo da funzionare anche nel caso in cui il sistema elettrico del veicolo non funzioni.
    Deve sempre rimanere inattivo fino a quando non viene innescato dal pilota o dalla slitta. L'addetto ai controlli P.P.I. deve controllarne il funzionamento ogni volta prima di ogni gara e il meccanismo deve essere ispezionabile (si deve poter vedere come agisce).
    Il Killer Switch, sulla chiusura dell'aria, può essere costruito sia con la paletta o con la ghigliottina. La ghigliottina o paletta deve avere due molle per la chiusura. Sulla paletta di sicurezza o ghigliottina “killer switch” che toglie l'aria al turbo ,in caso di spegnimento di emergenza, è concesso un foro massimo da 18mm invece nella categoria Modificati 4 cilindri il foro massimo è da 16mm.
    Chi monta la turbina HX 82 è concesso un foro da 20mm.
    Il sistema di spegnimento di emergenza deve essere azionabile sia dal pilota che da chi comanda la slitta.
    Per il pilota il pulsante per azionare lo spegnimento di emergenza deve essere a portata di mano. Il cavo dello spegnimento d'emergenza, per arrivare ad essere agevolmente manovrato dalla postazione di comando della slitta, deve arrivare ad una lunghezza uguale a quella della barra di tiro.

    I mezzi devono essere dotati di un anello di diametro 30-35 mm per l’agganciamento con la slitta per l’azionamento del killer swich e chiusura gasolio. Questo anello di aggancio va posizionato alla stessa sporgenza della barra di tiro ad un’altezza di 500mm all’incirca, al di sopra della barra di tiro e leggermente un po’ più a destra rispetto alla barra di tiro. È consigliato un cavetto d’acciaio.

    La forza necessaria ad azionare il killer swich non deve superare i 10 kg.

    Nei mezzi a motore a candele il killer switch deve agire sulla massa, deve cioè andare a togliere corrente alla pompa del carburante.
    Nei motori dove l'iniezione è fatta da un magnete si raccomanda un sistema ausiliario per l'iniezione affinchè in caso di guasto il sistema d'iniezione possa sempre essere interrotto dal killer switch.

    La copertura della turbina deve:

    • a)Garantire che nessuna parte del turbo, o della girante, fuoriesca dal proprio mezzo in caso di rottura o esplosione.
      La protezione deve essere tale che avvolga il turbo nei suoi 360 gradi, deve essere di acciaio di almeno 2 mm di spessore.
      Deve essere montata il più vicino possibile al turbo e deve essere fissata in almeno 4 punti. I cofani e le griglie non possono essere considerati parte della protezione.
    • b)I mezzi che montano compressori volumetrici vanno ben coperti con una lamiera di spessore 2mm.

    Il tubo di scarico deve avere 2 bulloni 10- 8.8 formando una croce, la distanza non deve essere superiore ai 25mm tra i 2 bulloni, vanno posizionati il più vicino possibile al turbo e le teste dei bulloni devono essere ben visibili dall'esterno.
    Il tubo di scarico deve avere uno spessore minimo di 1,5 mm e deve essere rivolto verso l’alto.

    I mezzi che hanno l’intercooler esternamente dalla carrozzeria devono coprirlo con una lastra intera o bucata, a buchi piccoli, di uno spessore tale da trattenere qualunque pezzo in caso di esplosione.

    Ogni macchina deve essere munita di gancio traino anteriore che deve avere un foro di agganciamento di 70 mm di diametro.

    Tutti i mezzi devono essere dotati di RIPARI LATERALI.
    I ripari laterali devono coprire tutta la lunghezza del monoblocco motore e più lunga di 100mm verso lato volano e 100mm verso distribuzione, e deve arrivare da centro testata al di sotto del monoblocco di 80mm. Deve essere fissato con almeno 4 bulloni da 10mm.Il fissaggio della protezione deve essere solido a sufficienza da mantenere la protezione al proprio posto in caso di esplosione. Suddette protezioni devono essere in acciaio o in alluminio, con uno spessore minimo: acciaio 3mm , alluminio 6 mm.
    Un telaio intero senza fori può far parte della protezione.
    Il motorino d’avviamento, i filtri dell’olio o del combustibile e la pompa d’iniezione non possono essere utilizzati come protezione.
    La protezione può coprire tali parti o passarci dietro.

    Le pulegge anteriori dell’albero motore vanno coperte con una lamiera di spessore 3mm a 360°con apposite fessure per permettere il passaggio delle cinghie. La protezione va ben fissata mantenendo la robustezza per trattenere la fuoriuscita della puleggia.

    Tutte le ventole devono essere ricoperte con la lamiera di spessore minimo 2mm nei suoi 360° (ventole elettriche escluse). Tutte le parti in rotazione vanno coperte con una lamiera di spessore minimo 2mm.

    13

    Tutti i mezzi hanno l’obbligo di avere 2 corde d’acciaio di diametro 8/10 mm con una resistenza di 700kg , devono avvolgere a 360° testata monoblocco coppa motore. Vanno montate tra il primo e il secondo cilindro e tra il quinto e il sesto. Sotto la coppa motore vanno collegati: 2 capifune con i 2 cavallotti di tale resistenza.

    •I motori che hanno la testata divisa, o teste singole, hanno l’obbligo di montare una lamiera sopra testate di uno spessore 10 mm x 150 per una lunghezza tale da coprire tutte le testate.

    Tutti i mezzi devono avere una protezione, non necessariamente un parafango, che separi il pilota dalle ruote in modo che nessuna parte del suo corpo possa entrare in contatto con i pneumatici.
    I giunti cardanici devono essere protetti quanto basta per evitare la fuoriuscita laterale di pezzi in caso di rottura.

    Ogni macchina deve essere dotata di PIEDINI ANTIRIBALTAMENTO:

    Tutte le categorie hanno l’obbligo di avere i piedini antiribaltamento.
    I piedini antiribaltamento devono avere tali misure: altezza max di 250mm da terra e devono sporgere 200mm da circonferenza ruota. I piedini devono terminare con un piatto min 100 x 150mm. La distanza esterna da piedino a piedino deve avere una misura minima di 500mm. I piedini devono essere robusti da sostenere il peso del mezzo e devono essere collegati fra loro formando una “ X”
    I piedini non devono essere collegati con la barra di tiro. (vedi disegno)

    •Ogni macchina deve essere dotata di un roll-bar di protezione oppure devono avere la cabina originale, tettino antiribaltamento originale omologato.
    (Non sarà accettato il comune arco di protezione pur essendo omologato).
    Il roll-bar deve essere costruito con 6 tubi di 48\50mm di diametro e 3mm di spessore.
    Deve avere una profondità minima di 500mm.
    Deve essere ben fissato al telaio.(Vedi disegno)

    •Tutti i mezzi devono avere le cinture di sicurezza.

    • Tutti i mezzi devono avere il sedile. Tutti i mezzi devono avere le cinture di sicurezza a 3 punti. Tutti i mezzi devono avere un sedile avvolgente (rally) con cinture di sicurezza fissate ad almeno tre punti al roll-bar. Il sedile deve essere fissato saldamente al telaio del veicolo con almeno quattro bulloni M8 (grado 8.8 o superiore), due nella parte anteriore della base e due nella parte posteriore della base. Tutti i veicoli da competizione devono essere dotati di un sedile del conducente costruito con un materiale solido, formato o saldato, come un unico pezzo. Il sedile deve essere formato su ciascun lato per proteggere l'area dell'anca del pilota. Lo schienale deve estendersi verticalmente dalla base del sedile alle spalle del pilota. La sede deve essere costruita con materiale equivalente in resistenza a non meno 1,6 mm di alluminio.

    I mezzi che sono obbligati a montare il roll-bar devono avere un sedile avvolgente con cinture di sicurezza ad almeno 3 punti, fissate al roll-bar.

    •Ogni macchina deve essere dotata di luce e avviso sonoro di retromarcia.

    Ogni mezzo deve essere dotato di un sistema che ne impedisca l’avviamento in caso di marcia inserita.

    Nessuna parte del veicolo deve interferire con la slitta nella fase di tiro.

    Tutte le categorie devono essere muniti di lamiera “rompifiamma” di almeno 2,00mm di spessore, che separi il pilota dal vano motore.

    In ogni macchina le batterie devono essere fissate in modo sicuro e preventivamente coperte in modo da evitare qualsiasi scintilla.

    Le zavorre devono sempre essere:

    • a)Smontabili per facilitare il trasporto del mezzo.
    • b)Devono essere fisse in fase di tirata.

    inoltre le zavorre posteriori non devono sporgere dalle ruote.


    ACCELERATORI DI COMBUSTIONE SONO VIETATI IN TUTTE LE CATEGORIE


    BARRA DI TIRO

    (vedi disegni)

    PER TUTTE LE CATEGORIE

    Deve essere realizzata con un acciaio che abbia una resistenza minima di 500N/mm2 Non sono ammesse saldature sulla barra di tiro.
    Nella barra di tiro deve essere effettuato un foro(foro di agganciamento), di 75mm di diametro e avere i bordi smussati per favorire l’aggancio. Si consiglia l’uso di veldox 700 con uno spessore non inferiore a 40mm, i 40mm devono anche essere tutto attorno al foro d’aggancio. La misura della barra di tiro deve avere una larghezza minima di 155mm, uno spessore minimo di 40mm e una lunghezza non superiore ai 800mm dal centro dei semiassi.

    La barra di tiro deve essere ben fissata e rigida in tutte le direzioni. Deve essere parallela al terreno con una tolleranza di + / -10° misurata dal perno centrale di fissaggio. Non deve mai sporgere oltre le ruote posteriori.

    •La barra di tiro deve avere un’area di 200mm per lato e 350mm in altezza libera da ostacoli, inclusi “zavorre e stabilizzatori”, in modo da garantire un facile aggancio e sgancio della catena.

    •La barra di tiro non deve mai essere superiore all'altezza del centro semiasse posteriore, esclusi cat. Truck e Pickup Truck.

    •La barra di tiro e gli stabilizzatori non devono essere in alcun modo connessi fra loro, ma devono costituire due corpi indipendenti.

    •La distanza della barra di tiro al centro dell’assale posteriore non può cambiare misura durante la fase di tiro.

    CATEGORIE: PROSTOCK 47, LIBERO 45, LIBERO 35, PROTOTIPI 55 DIESEL

    Altezza massima: mm 500 (si misura dalla parte superiore del foro di agganciamento)

    CATEGORIE: PROSTOCK, MODIFICATI 4 CILINDRI

    Altezza massima: mm 600 (si misura dalla parte superiore del foro di agganciamento)

    CATEGORIA: TRUCK

    Altezza massima: mm 1200 (si misura dalla parte superiore del foro di agganciamento)

    Per questa categoria tale barra deve avere una sporgenza massima, a partire dall'asse posteriore pari al 40% della lunghezza del passo.

    CATEGORIA: PICKUP
    Altezza massima: mm 650 (si misura dalla parte superiore del foro di agganciamento)

    TELAIO DI RINFORZO PER LA SCATOLA DEL CAMBIO

    Questa protezione di rinforzo scatola del cambio deve essere montata in entrambi i lati del cambio, deve essere fissata sulle campane posteriori e deve flangiare sulla parte posteriore del blocco motore (è consentito suddetto rinforzo fino all’assale anteriore). (Vedi disegno).

    OBBLIGATORIO NELLE MACCHINE DIESEL

    •Lo spegnimento d'emergenza deve consistere nella chiusura dell'aspirazione dell'aria, e nella chiusura del gasolio tramite un'elettrovalvola o un meccanismo meccanico.
    Deve essere attivabile sia dal pilota che da chi comanda la slitta.

    OBBLIGATORIO NELLE MACCHINE BENZINA

    •Lo spegnimento d'emergenza deve agire sulla massa dell'impianto di accensione, e deve essere attivabile sia dal pilota che da chi comanda la slitta.


    NORME OBBLIGATORIE PER I PILOTI

    •Il riscaldamento dei mezzi è consentito solo nel paddock e tassativamente ad un regime motore non superiore ai 3000 giri\minuto.

    Non scendere dal mezzo una volta che è stata effettuata la messa in moto, ne' ai box ne' in pista. •Tuta preferibilmente ignifuga

    Il casco durante il tiro deve essere sempre allacciato.

    Cinture allacciate.

    REGOLE DI GARA GENERALI

    •Ogni mezzo verrà controllato per quanto riguarda l'altezza del tiro, i dispositivi di sicurezza e le regole di costruzione prima di scendere in pista.

    •Ogni mezzo prima di scendere in pista sarà possibile verifica del peso.
    •L'ordine di partenza di ogni categoria verrà deciso per estrazione alla presenza dei piloti e/o

    rappresentanti di ogni team.

    •Il direttore di gara con tutto il personale addetto e con l’organizzatore della gara può cambiare l’ordine di partenza delle categorie.

    •Durante l’entrata-uscita dalla pista, e in tutta l’area paddock la velocità dei mezzi dovrà essere obbligatoriamente a passo d’uomo.

    •Alla linea di partenza, dopo essersi posizionato per l’agganciamento, il trattore va messo in folle, per consentire agli operatori dietro al mezzo di operare in sicurezza l’agganciamento.

    •La bandiera rossa utilizzata dai giudici di gara indica al pilota che non deve partire, o che deve fermarsi, a seconda dei casi.
    E' SEMPRE UN SEGNALE D'ARRESTO.

    •La bandiera verde utilizzata dai giudici di gara indica al pilota che può partire.

    •Ogni pilota, prima di partire, deve accertarsi che la catena sia in tiro.

    •Il pilota, finché non è partito, ha l’obbligo di tener sott’occhio le bandiere del giudice di gara che, se per qualunque inconveniente del mezzo o della slitta o qualunque altro imprevisto, può sempre alzar la bandiera rossa e il pilota ha il dovere di arrestare il proprio mezzo.

    •Se il mezzo subisce una rottura durante la tirata precedente tale da non poter rispettare l’ordine di partenza nella fase successiva, il partecipante può chiedere al giudice di gara di poter gareggiare per ultimo nella sua categoria come previsto dal regolamento. Se fosse l’ultimo della sua categoria in campo, il giudice può concedergli 6 minuti di tempo per poter riagganciare la slitta. Dopo tale tempo concesso, se si è partiti con la categoria successiva, non può più presentarsi per gareggiare nella categoria terminata.

    •Se la gara si svolge con due tirate finali, si misurano e si prende la migliore. Se il mezzo si arresta per qualche inconveniente prima dei 5 metri la tirata è nulla, cioè continua ad avere le sue due tirate valevoli. (max 2 partenze nulle)
    •In caso di qualifiche, se il mezzo si arresta per qualche inconveniente prima dei 20 metri la tirata è nulla. (max 2 partenze nulle)

    •Full pull nelle qualifiche è ha 100 metri. Nelle finali è ha 110 metri. •I metri percorsi sono misurati da un misuratore laser.

    •I piloti durante la gara dovranno attenersi a tutte le disposizioni impartite dai Direttori di Gara, le stesse sono insindacabili.

    •Ogni pilota può guidare più mezzi ma i mezzi non possono avere diversi piloti nell'arco della giornata.

    •Il suddetto regolamento potrà essere modificato dalla P.P.I. in qualunque momento lo ritenga opportuno. Seguirà una comunicazione di ogni modifica effettuata.


    AREA GARA

    •Per ogni categoria l'accesso in pista sarà consentito al pilota e a due meccanici per ogni mezzo. •Nessuna persona esclusi meccanici e piloti dovrà accedere all'area di gara.

    Il pilota dove presentarsi alla linea di partenza con il casco, la tuta e le cinture allacciate,pronto per eseguire la manovra di aggancio.

    •I mezzi potranno accedere in pista autonomamente, ma dovranno fare rientro ad una velocità ridotta.

    •I meccanici durante il tiro del loro mezzo dovranno posizionarsi al di fuori della riga di demarcazione della pista.


    MOTIVI DI SQUALIFICA

    •Perdere una o più zavorre durante la tirata, a meno che la perdita non sia dovuta ad una rottura della macchina.
    SQUALIFICA DELLA GARA IN CORSO.

    •Perdita o malfunzionamento di parti dell'equipaggiamento di sicurezza durante la tirata. SQUALIFICA DELLA GARA IN CORSO.

    •L'uso di acceleratori di combustione
    SQUALIFICA DELLA GARA IN CORSO E DI TUTTE QUELLE PRECEDENTI AL CONTROLLO.

    •Toccare e/o oltrepassare la riga di demarcazione della pista.
    SQUALIFICA DELLA GARA IN CORSO.

    •Partire durante la bandiera rossa in fase di partenza.
    SQUALIFICA DELLA GARA IN CORSO.

    •Non togliere gas oltrepassata la linea del full pull.
    SQUALIFICA DELLA GARA IN CORSO.

    •Non avere il proprio mezzo con tutte le sicurezze e tutte le norme richieste dal regolamento.
    SQUALIFICA DELLA GARA IN CORSO.

    •Terminata la tirata rientrare ad una velocità accelerata.
    SQUALIFICA DELLA GARA IN CORSO

    •Peso non conforme alla categoria di sua appartenenza.
    SQUALIFICA DELLA GARA IN CORSO.

    •Abbandonare il proprio mezzo una volta messo in moto in qualsiasi area del campo di gara. (compresi i box)
    SQUALIFICA DELLA GARA IN CORSO.

    •Comportamento indisciplinato e/o irrispettoso in pista da parte del pilota e/o dei componenti del suo team nei confronti del personale della P.P.I. , pubblico, assistenti.
    SQUALIFICA DELLA GARA IN CORSO.

    •Non presentarsi entro 6 minuti dalla chiamata dagli addetti in pista, e 4 minuti data bandiera verde alla partenza.
    SQUALIFICA DELLA GRARA IN CORSO.

    •Avere più di due meccanici in campo gara.
    SQUALIFICA DELLA GRARA IN CORSO.

    •Qualsiasi comportamento che metta a rischio l'incolumità del pubblico e/o del personale in qualsiasi area del campo di gara, dei box e nelle aree adiacenti ad esse.
    SQUALIFICA DELLA GARA IN CORSO. (se la gara e terminata la squalifica si prolungherà per gara successiva)

    •Qualunque concorrente iscritto dichiari il falso nella descrizione del suo mezzo sarà responsabile in prima persona in caso di rottura o se causa danni a cose o a terzi.
    SQUALIFICA DELLA COMPETIZIONE PER 13 MESI SIA PILOTA CHE MEZZO.

    •Riscontro di irregolarità durante un ricorso.
    SQUALIFICA DELLE COMPETIZIONI PER UN ANNO E UN GIORNO.


    RECLAMI

    Ogni concorrente che ritenga di essere stato danneggiato, o pensi che un concorrente non sia conforme al regolamento o abbia un comportamento pericoloso per sé e per gli altri può presentare reclamo direttamente al direttore di gara.

    Ogni concorrente che ha dei dubbi su un altro concorrente della sua categoria e vuol chiedere una verifica può farlo presentando:
    a)Richiesta firmata per iscritto al direttore di gara.
    b)Fare un versamento di 300€

    c)Deve essere presentata esclusivamente dal pilota.
    d)Specificando se si dovrà effettuare un controllo parziale (in questo caso specificare cosa) o totale.
    Il mezzo verrà portato in un'apposita sede decisa dalla P.P.I. e subirà controllo.
    Il giudizio degli addetti al controllo è insindacabile.

    Mancato riscontro di irregolarità
    Chi ha esposto la verifica perde la cifra della presentazione del ricorso e si deve prendere carico di tutte le spese dello smontaggio, dei pezzi che vanno sostituiti (guarnizioni e materiale vario) e rimontaggio.

    Riscontro di irregolarità
    Invece se la macchina mandata in verifica risultasse negativa al regolamento, il proprietario del mezzo dovrà farsi carico di tutte le spese e sarà squalificato pilota e mezzo per 13 mesi.
    Chi ha esposto la verifica recupererà la cifra del versamento.


    LA SLITTA

    •Viene caricata in base alle categorie.
    •L'entità del carico viene decisa in base alla tipologia del terreno e tramite i pull off sarà decisa dal

    personale di pista.

    •Dopo la manovra di agganciamento l'operatore della slitta mette in funzione i vari dispositivi utili al corretto funzionamento della stessa. Durante questa fase sarà presente la luce rossa.

    •Quando sulla slitta compare la luce verde significa che tutti i dispositivi sono stati azionati e che l'operatore della slitta non può più interagire con il suo funzionamento.

    •Nel caso in cui il mezzo non si fermi una volta superata la linea di arresto e/o si crei una situazione di pericolo l'operatore della slitta agirà sullo spegnimento d'emergenza.


    NORME CHE REGOLANO L'ACCESSO AL CAMPO GARA

    Hanno accesso a quest'area solo:

    • a) 1/ 2 persone del personale di servizio dell'organizzazione locale.
    • b) Il personale di servizio della P.P.I.
    • c) I meccanici e i piloti quando è il loro turno.

    NB: tutti i presenti entro quest'area devono attenersi alle istruzioni dei giudici di gara e del personale di pista.







    MODALITA' DI ISCRIZIONE AL CAMPIONATO

    •La totale accettazione del regolamento in ogni sua parte.

    Certificato medico per attività agonistica.

    Il tesseramento P.P.I. Uisp per ogni meccanico e pilota che entra in pista.

    •Versamento di una quota di iscrizione stabilita dalla P.P.I.

    •Compilare e firmare il modulo di iscrizione.


    ASSEGNAZIONE PUNTEGGI

    1. Classificato = Punti 20
    2. Classificato = Punti 15
    3. Classificato = Punti 12
    4. Classificato = Punti 10
    5. Classificato = Punti 08
    6. Classificato = Punti 06
    7. Classificato = Punti 05
    8. Classificato = Punti 03
    9. Classificato = Punti 02
    10. Classificato = Punti 01

    Qualunque concorrente avesse dei dubbi su qualsiasi cosa si può informare, chiedere chiarimenti\ delucidazioni\ spiegazioni tramite il giudice di gara e sarà sempre preso in considerazione.


    Non si accettano discussioni tra team e team.

    Siamo consapevoli che ci sono da fare delle modifiche ai vostri mezzi, ma per regolamento concordato con gli enti che ci autorizzano e per la sicurezza di tutti , ai mezzi non conformi alle regole non sarà agganciata la slitta.

    Un ringraziamento dalla Power Pulling Italia per la vostra collaborazione, vi aspettiamo in campo gara.